Cittadini italiani nel dopo Brexit inglese

brexitbrexit

Brexit e conseguenze su cittadini italiani

Quali saranno le conseguenze di Brexit sui cittadini italiani ?

Nell’immediato, nessuna, in considerazione che fino a quando non saranno adottati gli accordi per l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, questa rimarrà membro a tutti gli effetti con diritti e oneri. Di conseguenza, perlomeno nella fase iniziale, Brexit non avrà un impatto diretto sui cittadini italiani che risiedono in Gran Bretagna, ma in prospettiva le conseguenze potrebbero essere molte, tanto che è già bene iniziare a prepararsi, per arginare i danni.

Ambasciata italiana : gli italiani potranno circolare liberamente in Inghilterra

Una nota dell’ambasciata italiana a Londra smentisce le ipotesi di chiusura delle frontiere ventilate dalla stampa britannica anche dopo che la Brexit diventerà definitiva

A fine febbraio buona parte della stampa britannica è partita all’attacco dando praticamente per certa la chiusura delle frontiere in Gran Bretagna per tutti gli altri cittadini europei (compresi  cittadini italiani) già dal mese di marzo 2017 in applicazione della Brexit votata meno di un anno fa e fortemente sostenuta dall’attuale premier Theresa May. Una notizia ripresa anche in Italia ma che non corrisponde al vero, almeno per il momento, come ha sottolineato con una nota ufficiale anche l’ambasciata italiana a Londra.

Infatti, in modo da poter fornire notizie certe ai tanti italiani che hanno rivolto subito specifica domanda all’ambasciata italiana per capire se esistesse o meno il rischio di non poter circolare la questione è stata girata immediatamente dai nostri funzionari alle autorità competenti del Regno Unito che hanno fornito una precisazione esauriente: “Il Governo britannico – si legge nella nota – anche dopo l’attivazione dell’articolo 50 continuerà ad assicurare il pieno rispetto di diritti e obblighi europei fino al giorno in cui il Regno Unito uscirà dalla UE, inclusi quindi i diritti di cui godono attualmente i cittadini di stati membri dell’Unione europea, tra i quali è compresa la libera circolazione delle persone. Fino a quel momento non vi saranno pertanto modifiche nell’attuale regime di ingresso in questo Paese”.

E in effetti ai primi di marzo 2017 la Camera dei Lord ha approvato un emendamento che chiede l’espressa garanzia già da adesso, ma anche dopo che la Brexit sia ufficiale, degli stessi diritti di cittadinanza in Gran Bretagna ai cittadini Ue.

In questo senso il governo May ha sul fatto che prima si debbano avviare i negoziati perché dovrebbe essere una garanzia condizionata alla concessione di un diritto analogo al milione di cittadini inglesi attualmente residenti negli altri Paesi dell’Unione Europea. Una reciprocità ribadita anche nella nota dell’ambasciata italiana.

brexit italiani

brexit cittadini italiani

E in questo scenario l’Italia come si sta muovendo?

Secondo l’ambasciata è in prima fila per tutelare i diritti dei nostri connazionali : “Il Governo italiano – conclude la nota – è prioritariamente impegnato a garantire il rispetto dei diritti acquisiti dai cittadini italiani residenti nel Regno Unito nonché ad assicurare la massima tutela possibile a tutti i nostri connazionali. Quando saranno disponibili ulteriori indicazioni da parte del Governo britannico, sarà cura di questa Ambasciata diffonderle tempestivamente a tutti i connazionali”.

AIRE e consolato in UK

Secondo alcuni l‘iscrizione all’AIRE, seppur richiesta dalle autorità Italiane, non è domandata da quelle Britanniche. Il governo Inglese richiede invece prove documentali circa la presenza e l’esercizio dei diritti del trattato.

Secondo i dati ufficiali del Consolato Italiano in UK, infatti, gli iscritti AIRE, ovvero gli italiani che hanno legalmente dichiarato all’Anagrafe Estera la propria residenza in Gran Bretagna, sono 261.585, contro una stima di circa 600.000 italiani che oggi risiedono in Inghilterra. Vi sono dunque circa 350.000 italiani che devono prima di tutto regolarizzare la propria posizione.

All’uscita dell’Inghilterra dall’Unione Europea, ai cittadini italiani residenti in UK potrebbe essere richiesto di certificare la propria residenza, e dimostrarla : servirà dunque il supporto documentale fornito dall’AIRE per rilasciare detta certificazione.

A sua volta, la certificazione della residenza in UK, potrebbe servire per ottenere il Residence Permit, permesso di residenza che è facile pensare verrà rilasciato senza tanti problemi a chi è appunto in grado di dimostrare che risiede da decenni in Inghilterra, o comunque da prima del Referendum Brexit.

Per chi invece pensa di trasferirsi ora in Inghilterra, o comunque dopo le procedure di uscita dall’Unione Europea, le cose cambieranno radicalmente. Vero è che si dovrà aspettare a vedere quanto stabiliranno i trattati di uscita dalle UE per sapere esattamente cosa riserva il futuro.

È infatti possibile che il Governo Inglese e la Unione Europea concordino dei trattamenti di favore per i cittadini europei che desiderassero andare a vivere in Inghilterra.

Lavorare in Inghilterra nel dopo brexit

In mancanza di tali accordi, però, il trattamento dei cittadini europei sarà uguale a quello di qualsiasi altro straniero: per lavorare in Inghilterra post Brexit si dovrà dunque richiedere un permesso di soggiorno e un permesso di lavoro. Sicuramente per ottenere detto permesso si dovrà rispettare dei flussi migratori, che la Gran Bretagna stabilità. È facile pensare, infatti, che con Brexit vi sarà una riduzione dei posti di lavoro in Inghilterra, particolarmente nella capitale.

Le banche inglese, e le istituzioni finanziarie inglese, infatti, verranno considerate come banche ed finanziarie extra UE, di conseguenza tutte quelle istituzioni finanziarie europee che oggi avevano sedi, anche importanti, nel Regno Unito, preferiranno spostarsi in Europa per mantenere il trattamento di favore accordato alle istituzioni UE.

Allo stesso modo molte aziende avevano stabilito che avevano stabilito la sede operativa in Inghilterra, per beneficiare del sistema fiscale più favorevole, pensiamo FCA, per esempio, saranno interessate a spostarsi in un altro paese europeo, causando anche in questo caso una diminuzione dei posti di lavoro disponibili.

Residence Permit (permanent residence card) per gli Italiani ?

La riduzione dei posti di lavoro disponibili, comunque, coinvolgerà anche tutti quegli italiani che oggi lavorano in Inghilterra, che dunque, seppur facilitati a ottenere il Residence Permit, probabilmente opteranno per tornare in Italia, o trasferirsi ad altro paese europeo.

Inoltre, tra le grandi incognite sul tavolo che dovranno essere definite con gli accordi di uscita dalla UE, l’accesso che i cittadini italiani, ed europei in genere, avranno al sistema sanitario nazionale inglese e al sussidio di disoccupazione.

Bisogna vedere infatti, se UE e UK, decideranno di permettere di usufruire ai rispettivi cittadini dei trattamenti sanitari gratuiti in termini di reciprocità, o diversamente se saranno a pagamento. Allo stesso modo, l’uscita del Regno Unito dall’Europa comporterà l’annullamento della possibilità, per i cittadini europei, di ottenere alloggi popolari in Inghilterra.

approfondimento : Permanent Residence Card

Welfare inglese e studenti in UK

Nel migliore dei casi, comunque, qualora l’Inghilterra decidesse di introdurre un regime di favore per i cittadini europei nel beneficiare del welfare inglese, è prevedibile la usufruizione dei servizi sarà graduale, a seconda degli anni di residenza dello straniero nel Regno Unito.

Quello che non dovrebbe cambiare, invece, è il sistema pensionistico : non si prevedono particolari modifiche, visto che ormai il criterio della totalizzazione dei contributi è consolidato a livello internazionale.

Infine, i trattati di uscita della UK dall’Europa dovranno anche indicare quale sarà il destino dei tanti studenti italiani ed europei che oggi frequentano le università inglesi. Al giorno d’oggi detti studenti sono parificati a quelli inglese, potendo beneficiare anche della esenzione dal pagamento delle tasse universitarie o dalla possibilità di accedere a finanziamenti bancari per pagare le stesse.

In mancanza di accordi specifici tra UE e UK, invece, si applicheranno le regole attualmente previste per gli studenti extra UE, che comporteranno l’abolizione di tutti i benefici goduti e un aumento delle tasse universitarie che potranno arrivare anche a fino a 36.600 sterline all’anno, come richiede la facoltà di Medicina della prestigiosa Università di Oxford.

Brexit, nessuna stretta sulla libera circolazione

Nessuna comunicazione ufficiale, ma il governo britannico non sembra intenzionato ad imporre il visto ai turisti stranieri comunitari. Più delicata la situazione di studenti e lavoratori

L’approvazione della Brexit, i cui effetti però sono ancora tutti da stabilire, sembrava mettere in forte discussione anche la libera circolazione degli Europei in Gran Bretagna senza altri documenti che non fossero la carta d’identità o il passaporto ma non sarà così.

Nessun europeo, italiani compresi, avrà bisogno del visto consolare per entrare nel Regno Unito come confermano le prime indiscrezioni anche se ufficialmente il governo guidato dalla premier Theresa May non ha ancora preso una decisione in merito.

Nonostante il clima sociale arroventato e il timore sempre più crescente di possibili attentati, quindi non ci sarà una stretta sulla libera circolazione che in realtà conviene a tutti e continuerà ad essere reciproca, da e per i Paesi britannici.

É un dato di fatto incontrovertibile infatti che il turismo di inglesi, scozzesi, gallesi e irlandesi rappresenti una voce importante nelle altre economie europee, anche quelle delle nazioni crescenti, ma lo è pure quello degli Europei verso la Gran Bretagna e nessuno vuole spezzare l’incantesimo.

Ma stringere i cordoni dei controlli potrebbe avere ripercussioni pesanti, con il rischio concreto che il ruolo della Borsa inglese e più in generale della City venga drasticamente ridotto.

Ecco perché, anche in assenza di comunicazioni ufficiali da parte della premier britannica, la Brexit per gli ingressi da qui ai prossimi anni sarà soft. L’idea di fondo è comunque quella di permettere la libera circolazione all’interno del Regno Unito, ma mettere un tetto ai lavoratori stranieri che secondo le ultime stime hanno toccato un numero vicino ai 2,4 milioni grazie anche alle ondate di cittadini rumeni e bulgari negli ultimi 12 mesi.

Sono soprattutto manovali che però vengono ritenuti poco qualificati ed è stata questa una delle molle che ha spinto la Brexit verso la clamorosa vittoria facendo montare la protesta nelle classi sociali più povere che si sentono minacciate da lavoratori disponibili a lavorare anche in nero e con paghe che non raggiungono nemmeno i livelli sindacali minimi pur di garantirsi un’occupazione occasionale.

La stretta sul numero dei lavoratori europei potrebbe anche riguardare gli studenti, ma al momento non è chiaro come agirà il governo.

Cambridge, Oxford e altri Atenei prestigiosi hanno già avanzato richiesta affinché agli universitari stranieri sia concesso un permesso di soggiorno lungo, tale almeno da permettere loro di frequentare i corsi e laurearsi in tempi ragionevoli, anche alla luce dell’aumento deciso nelle tasse universitarie che ha scatenato polemiche ma ha anche ridotto il numero degli iscritti: è chiaro quindi che andare a pescare in altri bacini al di fuori dei confini, per le università britanniche sarebbe una manna.

avvocato lavoro, studio legaleavvocato per stranieriavvocato immigrazione

About the Author

Portale Immigrazione
Redazione di portale immigrazione e permesso di soggiorno

5 Comments on "Cittadini italiani nel dopo Brexit inglese"

  1. L’iscrizione AIRE per il residence permit e’ considerata nulla!!

    Si devono dimostrare 5 anni consecutivi di payslips e iscrizione alle revenue and customs per piu’ di 5 anni per avere la permanent card (no residence permit, it doesn’t exist).

    Per gli studenti italiani, va dimostrato di avere la CSI, l’assicurazione sanitaria privata oppure assicurazione sanitaria originale dell’Italia. Ma se uno si iscrive all’AIRE perde l’assicurazione sanitaria italiana, quindi come siamo coperti?

  2. mi sono trasferito nel ottobre senza iscrivermi all’aire,dovevo vedere se era possibile mettere le basi per trasferire la mia famiglia,cosi che nel giugno arriva la mia family ,ho trovato casa pago council tax e quant’altro…..a dicembre sono andato all’anagrafe aire del mio comune in italia per la cancellazione,sto adesso facendo richiesta per la iscrizione al consolato AIRE,la mia domanda,mia moglie lavora io lavoro paghiamo le tasser non abbiamo benefit i miei figli vanno a scuola e vanno anche molto bene,che difficoltà avremo nel dopop brexit,cioè attuati tutte le regole e conseguenza uscita dalla UE?

    • Nessuno può dirti che difficoltà avrai, dipende dai negoziati tra il Regno Unito e l’Europa.
      Ti potrebbe venire richiesto di andare via come no.
      Al momento incertezza totale per migliaia di persone.
      Solo chi è residente da 5 anni o più può al momento regolarizzare già con una permanenza residence card.
      Sorry.

  3. Sono una cittadina italiana iscritta all’AIRE, ho contributo alle mie tasse dal 2000.

    Ho una bambina con un cittadino inglese.
    Dopo il brexit, e per diverse ragioni finanziarie ho deciso di ritornare in Italia.

    Potrebbe gentilmente spiegare anche che diritti abbiamo e cosa cambierà con il brexit, per quanto riguarda la legge di famiglia?

    Grazie infinite per il suo tempo,

  4. figlio iter cittadinanza inglese | 6 agosto 2017 at 9:34 pm |

    Salve, mio figlio ha compiuto tutto l’iter per la cittadinanza inglese avendone tutti i requisiti. Ha fatto l’esame di lingua inglese e di cultura britannica e ha presentato tutta la documentazione con i relativi versamenti.

    Vorrei sapere:
    1- in quanto tempo l’ufficio è tenuto a dare una risposta
    2-se in presenza di tutti i requisiti l’attribuzione della cittadinanza è un atto dovuto oppure rimane un atto che viene concesso insindacabilmente.

    Mio figlio è ingegnere,vive a Londra da dieci anni, ha un figlio piccolo cittadino inglese, ha la casa, ha un ottimo lavoro presso una società di informatica.

    Grazie

Leave a comment

error: Content is protected !!