Visto per l’Italia di breve durata, si cambia

Visto per l'Italia di breve durata, si cambia

Visti d’ingresso nella Ue per soggiorni brevi, scattano le nuove regole

Dal 2 febbraio 2020 il prezzo è salito da 60 a 80 euro per ogni domanda di visto, ma cambiano anche le tempistiche e gli accordi

Dal 2 febbraio 2020 sono diventate effettive le nuove tariffe relative ai visti d’ingresso destinati ai soggiorni brevi (quelli per un massimo di 90 giorni) in Paesi dell’Unione Europea, i cosiddetti ‘Short-stay Visas‘.

La modifica rientra nella più complessa riforma del Codice Visti che prevede, almeno sulla carta, uno snellimento nelle procedure, ma anche un controllo più serrato per evitare le migrazioni irregolari.

Quali sono le principali novità in vista?

Costo del visto d’ingresso

La più importante è quella legata al costo: il visto d’ingresso per soggiorno breve infatti è passato da 60 euro a 80 euro.

Un supplemento che, almeno nelle intenzioni, dovrebbe essere destinato a migliorare l’informatizzazione e anche dei consolati l’efficienza delle procedure consolari.

Sono previste riduzioni per i minori di 18 anni, mentre il visto sarà ancora gratis per gli Under 6 oltre che tutti gli studenti e i ricercatori.

Tempistiche del visto d’ingresso

Altro novità riguarda le tempistiche. Se prima il limite per presentare la domanda di visto era al massimo di tre mesi, adesso è raddoppiata.

Quindi i viaggiatori potranno richiedere il documento fin da sei mesi prima del viaggio, con un limite minimo di 15 giorni prima.

Se possibile, le domande sono da presentare per via telematica, direttamente nel Paese di residenza del richiedente, anche rivolgendosi a d’agenti esterni quando non esistono rappresentanze diplomatiche del Paese Ue nel quale vogliono recarsi.

Visto per l’Italia di breve durata, si cambia

Visti per ingressi multipli

C’è una novità anche per i viaggiatori con ‘storia positiva’, cioè quelli che non hanno mai superato nel passato le scadenze dei loro visti d’ingresso.

Potranno ottenere visti per ingressi multipli con validità crescente in maniera graduale da uno a cinque anni.

Invece le procedure di esame delle domande di visto saranno più stringenti o più liberali su temi come costi e esenzioni dal pagamento, validità del visto, tempo massimo per l’approvazione, anche in base ai rapporti di cooperazione tra il Paese d’Origine di chi richiede il visto e quello d’arrivo.

Visti per brevi periodi

Ad inizio 2020 sono ben 105 le nazioni obbligate a chiedere un visto per passare brevi periodi, per turismo o affari, nei 26 Paesi dell’area Schengen.

Si tratta oltre all’Italia, di Austria, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Estonia, Finlandia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia e Svezia) oltre a quattro Paesi associati, cioè Norvegia, Islanda, Liechtenstein e Svizzera).

Vuoi entrare in Italia con visto ? Chiedici un preventivo

avvocato lavoro, studio legale
pratiche per stranieriavvocato immigrazione

    About the Author

    Avatar
    Portale Immigrazione
    Redazione di portale immigrazione e permesso di soggiorno

    Be the first to comment on "Visto per l’Italia di breve durata, si cambia"

    Leave a comment

    error: Content is protected !!